I bonus idrici o bonus acqua sono delle misure volte a ridurre la spesa per il servizio idrico integrato di una famiglia in condizione di disagio economico e sociale. Lario Reti Holding e l’Ufficio d’Ambito di Lecco hanno adottato fin dal 2016 queste misure di solidarietà, erogando da allora contributi pari a circa 800.000 Euro.

Icona Bonus Acqua

Per l’anno 2021 sono previste 3 tipologie di bonus idrico, che vengono spiegate nel dettaglio in questa pagina:

1) Bonus Idrico Straordinario per emergenza COVID-19

2) Bonus Sociale Idrico di ARERA

3) Bonus Idrico Integrativo locale

1) Il Bonus Idrico Straordinario per Emergenza COVID-19


L’Assemblea dei Soci di Lario Reti Holding del 29 maggio 2020 ha deliberato all’unanimità di costituire uno strumento di aiuto alle famiglie in difficoltà a causa dell’emergenza da COVID-19, destinandovi la somma di 500 mila Euro: il Bonus Idrico Straordinario.

Questa nuova misura si aggiunge al Bonus Idrico Sociale stabilito da ARERA e al Bonus Idrico Integrativo Locale voluto da ATO e Lario Reti Holding (maggiori informazioni su questi altri due tipi di bonus sono disponibili in questa pagina).

A seguito di un lavoro congiunto tra Lario Reti Holding, Ufficio d’Ambito e i Comuni della Provincia di Lecco, è stato stabilito un Bando per l’Assegnazione del Bonus Idrico Straordinario a sostegno dei cittadini e delle famiglie per l’anno 2021.

Di seguito sono disponibili i dettagli e la modulistica, da presentare al proprio Comune.

 

Art. 1 - Oggetto e Finalità
Oggetto del presente bando è il sostegno alle utenze deboli del servizio idrico integrato attraverso la corresponsione di un Bonus idrico Straordinario ai soggetti che versano in condizioni socio-economiche disagiate.
Art. 2 - Ambito di applicazione
Il presente bando si applica esclusivamente nei Comuni della Provincia di Lecco; viene erogato in aggiunta ai Bonus esistenti (Bonus sociale ARERA e Bonus integrativo ATO).
Art. 3 - Soggetti beneficiari
Le agevolazioni previste dal presente bando potranno essere richieste al Comune di residenza dalle seguenti categorie di beneficiari:

  • utenti domestici residenti diretti, ovvero utenti finali titolari di un contratto di fornitura del servizio idrico integrato;
  • utenti domestici residenti indiretti, ovvero utenti finali NON titolari di un contratto di fornitura del servizio idrico integrato (nel caso di forniture condominiali o comunque plurime con un unico contatore centralizzato, affittuari non intestatari della fornitura).

Art. 4 - Requisiti per l’accesso
La richiesta di “Bonus Idrico straordinario” potrà essere presentata dai nuclei familiari di cui al precedente art. 3. in possesso, alla data di presentazione della richiesta, dei seguenti requisiti:

  • essere residenti nell’abitazione cui si riferisce l’utenza oggetto del beneficio nel momento di presentazione della domanda
  • I.S.E.E. ordinario in corso di validità pari o inferiore a € 12.000,000
  • ISEE CORRENTE nel caso in cui si sia verificata:
    • Una variazione della situazione lavorativa per almeno un componente del nucleo;
    • Una variazione della situazione reddituale complessiva del nucleo superiore al 25% rispetto alla situazione reddituale individuata nell’ISEE ordinario

Art. 5 - Entità del Bonus Idrico Straordinario
A) UTENTI CHE NON USUFRUISCONO DEI BONUS ESISTENTI (ARERA E ATO)

Per gli utenti con ISEE superiore a € 8.265,00, il valore del “Bonus Idrico Straordinario” è determinato nell’ammontare massimo di € 60 annui pro capite, da moltiplicare per il numero dei componenti il nucleo familiare dell’utenza beneficiaria.

B) UTENTI CHE HANNO DIRITTO AD USUFRUIRE DEI BONUS ESISTENTI (ARERA E ATO)

Per gli utenti che ricadono nelle seguenti condizioni:

  • appartengono ad un nucleo familiare con indicatore ISEE non superiore a 8.265 euro, oppure
  • appartengono ad un nucleo familiare con almeno 4 figli a carico (famiglia numerosa) e indicatore ISEE non superiore a 20.000 euro, oppure
  • appartengono ad un nucleo familiare titolare di Reddito di cittadinanza o Pensione di cittadinanza

L’erogazione dei bonus sociali (ARERA e ATO) per disagio economico saranno riconosciuti secondo le regole stabilite da ARERA, in corso di modifica.

In particolare, dal 01.01.2021gli interessati non dovranno più presentare la domanda per ottenere i suddetti bonus presso Comuni o CAF, ma gli stessi saranno erogati automaticamente previa presentazione della DSU per ottenere l’ISEE.

Le modalità applicative per l’erogazione sono in corso di definizione da parte di ARERA.

Per questi utenti, Il valore del “Bonus Idrico Straordinario” è pari a € 40 per fornitura / unità abitativa.

 

Qualora la capienza del Fondo risultasse insufficiente a soddisfare la totalità delle domande, il Bonus Straordinario come sotto determinato, verrà ridotto proporzionalmente all’importo stanziato dal presente bando.

Art. 6 - Modalità di presentazione della domanda
La domanda di richiesta del bonus idrico straordinario dovrà essere presentata al Comune di residenza dal 01.02.2021 al 31.03.2021 utilizzando la modulistica allegata al presente bando, corredata dalla seguente documentazione:

  • Per i richiedenti intestatari di un’utenza singola (utenti domestici diretti): carta d’identità in corso di validità, attestazione ISEE del nucleo familiare in corso di validità, copia dell’ultima bolletta relativa alla propria utenza del servizio idrico per l’individuazione del codice cliente e numero di contratto sul quale sarà erogato il bonus;
  • Per i richiedenti residenti in un condominio (utenti domestici indiretti): tutti i documenti di cui al precedente punto oltre al modulo “Utenze Condominiali” debitamente compilato e sottoscritto dall’amministratore di condominio e dal richiedente stesso; il modulo dovrà essere compilato in ogni sua parte e riportare il codice di servizio dell’utenza condominiale.

La modulistica è disponibile presso:

  • il presente sito
  • sul sito internet del Comune di residenza
  • presso il Comune di residenza

Art. 7 - Modalità di formazione delle liste degli aventi diritto
Il Comune:

  • protocolla le richieste in ingresso
  • verifica la completezza dell’istanza e della documentazione allegata e, se necessario, procede alla richiesta di eventuali integrazioni;
  • individua le istanze ritenute ammissibili alle agevolazioni;
  • predispone l’elenco delle istanze ammissibili in base ai requisiti di cui all’art. 4 utilizzando la tabella “dati elenco utenze per Bonus Straordinario Comune”.

Lario Reti Holding provvederà a formare un elenco complessivo delle istanze ammesse dai Comuni per il “Bonus Idrico straordinario” e provvederà a comunicare ai clienti e agli amministratori di condominio l’importo spettante e a trasmettere ai singoli Comuni l’elenco dei Bonus Straordinari erogati di competenza.

Art. 8 - Modalità di erogazione del “Bonus Idrico”
Il Bonus Straordinario è associato all’utente che ne fa domanda, non è trasferibile e segue l’utente in caso di spostamenti all’interno della Provincia di Lecco.

Per gli utenti domestici diretti, l’agevolazione sarà riconosciuta da LRH come deduzione nella prima bolletta utile.
In caso il Bonus Straordinario superi l’importo a debito, il credito residuo verrà utilizzato nell’ordine:

  • a copertura di bollette precedenti risultanti insolute
  • a credito sulle bollette di futura emissione.

In nessun caso l’importo previsto per il Bonus Straordinario potrà essere monetizzato.
In caso di credito finale per qualsiasi motivo (es. cessazione contratto, disdetta, cambio intestazione, ecc.) la quota parte residua non verrà erogata.

Per gli utenti domestici indiretti, ovvero beneficiari e residenti presso utenze condominiali, l’agevolazione concessa verrà riconosciuta al beneficiario dall’amministratore di condo-minio, a detrazione dell’importo dovuto per le spese idriche.

Lario Reti Holding riconoscerà l’intero ammontare del Bonus Straordinario nella prima bolletta utile del condominio e sarà onere dell’amministratore provvedere a riconoscere la detrazione nel-le rate condominiali.

Art. 9 – Importo complessivo del Bonus Straordinario
L’importo massimo complessivo disponibile per il Bonus Straordinario è fissato in € 500.000 (cinquecentomila).

Lario Reti Holding si riserva di valutare ulteriori iniziative utilizzando l’eventuale rimanenza dopo l’erogazione di tutti gli importi previsti dal presente bando.

2) Il Bonus Sociale Idrico di ARERA


Il bonus idrico o bonus acqua,  previsto dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 13 ottobre 2016, consente di non pagare un quantitativo minimo di acqua a persona per anno. Tale quantitativo è stato fissato in 50 litri giorno a persona (18,25 mc di acqua all’anno), corrispondenti al soddisfacimento dei bisogni essenziali.

Dal 1° gennaio 2021 i bonus sociali per disagio economico saranno riconosciuti automaticamente ai cittadini/nuclei familiari che ne hanno diritto, senza che questi debbano presentare domanda. Le condizioni necessarie per avere diritto ai bonus per disagio economico non cambiano:

  1. appartenere ad un nucleo familiare con indicatore ISEE non superiore a 8.265 euro, oppure
  2. appartenere ad un nucleo familiare con almeno 4 figli a carico (famiglia numerosa) e indicatore ISEE non superiore a 20.000 euro, oppure
  3. appartenere ad un nucleo familiare ritolare di Reddito di cittadinanza o Pensione di cittadinanza.

Uno dei componenti del nucleo familiare ISEE deve essere intestatario di un contratto di fornitura elettrica e/o gas e/o idrica con tariffa per usi domestici e attivo, oppure usufruire di una fornitura condominiale gas e/o idrica attiva. Ogni nucleo familiare ha diritto a un solo bonus per tipologia – elettrico, gas, idrico – per anno di competenza.

Dal 1° gennaio 2021 gli interessati non dovranno più presentare la domanda per ottenere i bonus per disagio economico presso i Comuni o i CAF.

Sarà sufficiente che ogni anno, a partire dal 2021, il cittadino/nucleo familiare presenti la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) per ottenere l’attestazione ISEE utile per le differenti prestazioni sociali agevolate (es.: assegno di maternità, mensa scolastica, bonus bebè ecc.)

Sul sito di ARERA, al link indicato di seguito, sono disponibili tutte le informazioni su come compilare la DSU, quali bonus vengono presentati automaticamente, come avverrà l’erogazione del bonus, quanto vale il bonus acqua e cosa avverrà dei bonus per disagio economico in corso al 31 dicembre 2020, nonché il numero verde di ARERA per richiedere tutte le informazioni aggiuntive in merito.

Per maggiori informazioni e modulistica consulta il sito www.arera.it 

3) Il Bonus Idrico Integrativo Locale


Il Bonus Idrico Integrativo Locale, voluto dall’Ufficio d’Ambito e da Lario Reti Holding, mira a riconoscere condizioni di miglior favore rispetto a quelle minime previste dalla regolazione nazionale agli utenti del Servizio Idrico Integrato (SII) che versano in condizioni di disagio economico o che risultino beneficiari di Reddito di cittadinanza (Rdc)/Pensione di cittadinanza (Pdc) ai sensi dell’articolo 1 del decreto legge 28 gennaio 2019, n. 4, convertito con modificazioni dalla legge 28 marzo 2019 n. 26. Il bonus idrico integrativo locale riconosce un ammontare aggiuntivo agli utenti ammessi al bonus sociale idrico nazionale.

Le agevolazioni integrative sono concesse automaticamente a tutti gli utenti domestici residenti, con un contratto di fornitura diretto o condominiale (indiretto), in condizione di disagio economico sociale o che risultino beneficiari di Rdc/Pdc, che hanno ottenuto il bonus sociale idrico nazionale, senza necessità di presentare ulteriori richieste formali.