Comuni interessati: Annone B.za, Bellagio, Bosisio Parini, Cesana Brianza, Civate, Ello, Galbiate, Malgrate, Oggiono, Oliveto lario, Pusiano, Rogeno, Suello, Valbrona, Valmadrera,
Settore: depurazione
Valore Iva Esclusa: 5.420.000
Inizio Lavori: Gennaio 2017
Fine Lavori: Dicembre 2021
Risoluzione di Infrazione Europea: No
Tipologia iniziativa: Piano d'Ambito
Status del progetto: in corso

Descrizione

L’intervento in oggetto è situato nell’impianto di depurazione di Valmadrera, e ha l’obiettivo di realizzare le opere necessarie a sottoporre a trattamento di depurazione le acque reflue urbane dei Comuni di Oliveto Lario e Civenna, e di ottenere un miglioramento nell’efficienza del processo depurativo anche in riferimento alla situazione attuale.

Gli interventi in progetto interessano:

  • Locale compressori: realizzazione di un nuovo sistema di distribuzione dell’aria
  • Vasche trattamento biologico: per ciascuna delle 4 vasche si prevede il risanamento delle pareti, rimuovendo e smaltendo le tubazioni e apparecchiature esistenti nella vasca di denitrificazione e ossidazione, realizzando 2 muri di separazione all’interno della vasca per la suddivisione del trattamento di ossidazione e nitrificazione. Inoltre verrà realizzato un nuovo sistema di distribuzione dell’aria realizzato mediante tubazioni in acciaio

Le apparecchiature installate dovranno costituire un “sistema” che rilevando i dati dell’ossigeno, regolerà direttamente le valvole che modificano il valore della portata di aria transitante nelle tubazioni con conseguente variazione della pressione nel collettore in uscita da ciascun compressore; tale valore viene rilevato dal pressostato, che verrò usato per la regolazione dei compressori;

  • Realizzazione di un manufatto di dissabbiatura ex-novo, che consentirà di trattare le portate massime richieste in tempo di pioggia, mentre in tempo secco saranno in grado di trattare singolarmente la portata nera, in modo da garantire il trattamento anche in caso di fuori servizio di uno dei due bacini e facilitare quindi le operazioni di manutenzione. La dismissione del vecchio dissabbiatore interrato consentirà infine di utilizzare tale vasca, opportunamente modificata, come canale di misura in ingresso
  • Realizzazione di un manufatto di grigliatura fine con elevate prestazioni nel rimuovere i corpi flottanti trasportati dalla fognatura che potrebbero creare problemi gestionali nelle vasche di ossidazione una volta che queste verranno equipaggiate con i supporti mobili galleggianti
  • Adeguamento impianto di sollevamento alle nuove quote dei manufatti di dissabbiatura e grigliatura
  • Modifica delle tubazioni di ricircolo fanghi: realizzando 4 condotte di alimentazione diretta delle vasche di denitrificazione equipaggiate con saracinesche motorizzate asservite a misuratori di portata al fine di garantire l’equa divisione delle portate ricircolate.
  • Adeguamento del comparto disidratazione. La disidratazione dei fanghi prodotti è ad oggi garantita da una filtropressa da 7040 litri istallata nel locale dedicato. Tale macchina risulta insufficiente alle future esigenze, pertanto si prevede la sostituzione con n. 2 centrifughe da 1000 KgSS/h ciascuna.